Camminata tra gli olivi

Al via domenica 28 ottobre la seconda edizione in 123 Comuni e 18 Regioni

Non tutti sanno che esiste un'associazione nazionale delle Città dell'olio che con 320 soci (tutti enti pubblici: Comuni, Province, CCIAA, Parchi e GAL) tutela il territorio olivicolo, battendosi per la valorizzazione dei paesaggi e l’inserimento di aree territoriali olivicole nel Registro Nazionale dei Paesaggi Rurali Storici del Ministero delle Politiche Agricole.

È proprio a cura di questa associazione che nasce La Camminata tra gli olivi, che vuole essere un mezzo per far conoscere il nostro patrimonio olivicolo e riportare alla ribalta, con la seconda edizione in scena domenica 28 ottobre, la qualità e il valore dell’olio extravergine, degli olivicoltori e dei territori nell’Anno del Cibo Italiano.

La manifestazione è stata presentata nei giorni scorsi a Roma, al Ministero dei Beni Culturali, da Francesco Palumbo, direttore generale, e da Enrico Lupi, presidente dell’Associazione Nazionale Città dell’Olio. “La nuova edizione è la conferma di una scelta e la responsabilità di un percorso che intreccia il valore delle coltivazioni e dei prodotti e la preziosa passione dei loro custodi, gli olivicoltori" ha affermato Enrico Lupi, presidente delle Città dell’olio.

Come è noto i numeri dell'enoturismo sono in crescita (quasi un italiano su tre negli ultimi tre anni ha viaggiato per prendere parte a un’esperienza enogastronomica - fonte: Rapporto Turismo enogastronomico italiano 2018 - Fondazione Qualivita), e questo denuncia un crescente interesse per tutto il mondo agreste ed enogastronomico. I paesaggi legati agli ulivi e la produzione di olio extra vergine non possono non considerarsene parte integrante.

 “La sfida che abbiamo di fronte è generare innovazione nel turismo italiano. L’idea di cibo deve diventare una ‘chiave’ per leggere i diversi territori italiani, le persone che vi abitano e che coltivano e producono grazie a queste terre”, aggiunge Francesco Palumbo.

Creare occasioni per conoscere l’olivo, l’olio e i territori e anche l’opportunità di incontrare chi produce questo ‘oro verde’ d’Italia, è l’obiettivo della Camminata tra gli olivi, quest’anno organizzata in 123 Comuni e 18 Regioni con nuovi itinerari nei suggestivi paesaggi dell’olio e degustazioni con l’extravergine, grande protagonista nell’Anno del Cibo Italiano.

Lanciata l’anno scorso la Camminata ha avuto nel 2017 oltre 20.000 partecipanti agli eventi, organizzati da 121 Comuni, trasformandosi da subito in driver turistico nazionale.

L’Associazione Città dell’Olio è convinta che lo sviluppo dei territori olivetati può e deve essere strettamente legato a quello dell’oleoturismo, proprio perché, se ben organizzato, il turismo dell’olio può diventare una vera risorsa per il territorio e per l'ambiente prima ancora che per i produttori.

Per maggiori informazioni consultare il sito www.camminatatragliolivi.

Per i social, l’hashtag è #camminatatragliolivi.

Riguardo all'autore
Stefania Vinciguerra

Giornalista professionista dal 1991, si è avvicinata al mondo del vino negli anni universitari, grazie a un corso dell’Associazione Italiana Sommelier. Affascinata da degustazioni e pubblicazioni sul vino, ha ottenuto, ancora giovanissima, la direzione del mensile Pane & Vino (prima direttrice donna di una rivista di enogastronomia in Italia), ha collaborato con svariate riviste del settore, ha lanciato e diretto anche il mensile Euposìa e attualmente è caporedattrice del webmagazine DoctorWine e della Guida Essenziale ai Vini d’Italia di Daniele Cernilli.